Polpette kefta Smart Restaurant Urban Mood

Polpette kefta: esotiche e speziate

Nei nostri ristoranti ci piace farvi scoprire sapori esotici e particolari, farvi spaziare tra differenti culture gastronomiche: per questo nel nostro menu extra potete trovare anche le polpette kefta sul caratteristico spiedo e dal prelibato sapore speziato.

Kefta, kofta, kafta… molti modi per chiamarle e ancor più di prepararle: queste polpettine, in varie declinazioni di sapore, sono tipiche della cucina araba e mediorientale ed è possibile trovarle nei ristoranti e nelle tavole di una vasta area geografica che spazia dal Nordafrica all’Asia occidentale, fino in Europa. In arabo, kofta significa appunto polpetta e deriva a sua volta dal termine persiano kufta che vuol dire “macinare”. Servite ancora infilzate con gli spiedi di legno con i quali vengono cotte, possono essere accompagnate da moltissimi tipi di condimento con base di pomodoro o con salse, prevalentemente allo yogurt.

In base alla regione d’origine, esistono moltissime varianti di queste saporite polpette, ognuna insaporita con diverse spezie, a base di carne, pesce, verdure e uova, a volte mescolate con riso o bulgur, con una forma diversa (dalle quelle rotonde a quelle allungate) e accompagnate da salse e condimenti di ogni tipo, o consumate all’interno di pane arabo o Pita.

Le polpette kefta possono essere preparate con manzo, agnello o anche il misto fra le due carni. È una ricetta abbastanza facile e veloce, per questo riproporre tale preparazione a casa può rivelarsi una valida alternativa per sfruttare un pezzo di carne e trasformarlo in una portata esotica e molto saporita. La carne tritata viene insaporita con spezie e erbe, preferibilmente fresche, a gusto personale. Di solito tritate finemente, sono utilizzate spezie come coriandolo, cumino, prezzemolo, menta, zenzero, cipolla, aglio, peperoncino o paprika. Una volta preparato l’impasto, le polpette vengono modellate con una forma cilindrica e infilzate nei caratteristici spiedi.

Anche i metodi di cottura sono molteplici: le polpette kefta possono essere cotte sul tajine, la tradizionale pentola formata da un piatto di terracotta con un coperchio a forma di cono appoggiato sopra la base durante la cottura, sulla griglia, in una padella antiaderente, al forno o addirittura fritte.

Un paio di suggerimenti per la preparazione delle polpette kefta: se la carne dovesse tendere a sfaldarsi e non si compattasse adeguatamente, è consigliabile aggiungere un uovo e, a piacimento, una spolverata di pangrattato. Inoltre una buona regola è oliare lo spiedo per facilitare la cottura all’interno e per non fare attaccare la polpetta allo spiedo stesso una volta cotta.