Pizza Smart Restaurant Urban Mood

La pizza, patrimonio dell’umanità

Il consiglio riunito a Seul dal 4 all’8 dicembre ha deliberato con voto unanime che la pizza è patrimonio Unesco dell’umanità. Anche noi di Urban Mood ci uniamo ai festeggiamenti e continueremo a onorare la pizza continuando a farla con amore!

Ebbene sì, la pizza è ufficialmente patrimonio Unesco dell’umanità. C’è voluta una lunga istruttoria durata due anni e una decisa e folkloristica acclamazione popolare da oltre due milioni di firme, ma infine ecco il prestigioso riconoscimento che entra nella storia anche per essere il primo ad essere attribuito a una preparazione alimentare. La pizza è uno degli indiscussi simboli dell’Italia nel mondo, ed è stata scelta proprio perché “rappresenta l’Italia in tutto il mondo”. Ecco quanto dichiarato dalla Commissione designatrice: “l’arte dei pizzaiuoli ha svolto una funzione di riscatto sociale, elemento identitario di un popolo, non solo quello napoletano, ma quello dell’Italia. È un marchio di italianità nel mondo”.

Nata a Napoli secoli fa, l’arte di fare la pizza viene tramandata di generazione in generazione, fino a oltrepassare i confini italiani ed essere esportata in tutto il mondo. Insieme all’indiscussa bontà, anche un altro aspetto la rende così universale: la pizza incarna una precisa funzione sociale, al punto da diventare sinonimo di convivialità e condivisione. Perciò non stupisce un supporto popolare così numeroso, maggiore che per ogni altra candidatura.

Oltre al valore tradizionale e culturale, la pizza costituisce un vero e proprio business con un enorme valore economico. Nel nostro Paese, il giro d’affari vale circa 12 miliardi di euro, oltre 60 miliardi nel mondo. Il settore conta 150mila addetti fissi, ai quali se ne sommano altri 50mila nel weekend; ogni giorno vengono sfornate circa 5 milioni di pizze nelle 63mila pizzerie e locali per l’asporto, taglio e trasporto a domicilio.
È indiscutibile, dunque, che quando si parla di “fare la pizza”, si parla anche di arte. E, in effetti, non c’è davvero altra definizione per una preparazione in grado di valorizzare ingredienti semplici e basilari come farina e acqua fino ad ottenere un impasto malleabile che ben si presta ad essere condito a piacimento, accontentando anche i palati più difficili. Fare una pizza a regola d’arte non è affatto facile. È necessario, infatti, padroneggiare i segreti della lievitazione e saperli declinare alle condizioni ambientali, bisogna acquisire una certa manualità sia nell’impasto che nel condimento e conoscere molto bene il comportamento del forno che verrà usato per la cottura.

Anche voi siete orgogliosi per questo importante riconoscimento? Non ci resta che aspettarvi nei nostri ristoranti per festeggiare insieme con una buona pizza!