10-carbonara

Pasta alla carbonara: profumo di Roma

Pietra miliare della cucina tradizionale di Roma, sinonimo di genuinità contadina, la pasta alla carbonara è un piatto universalmente conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Eppure le sue origini sono dibattute: a chi spetta la paternità di questo specialità che ha conosciuto – e conosce ancora –infinite varianti e interpretazioni personali?

Forse il piatto più rappresentativo della cucina romana, la pasta alla carbonara è sacra per tutti gli abitanti della capitale, così come l’odore del guanciale sfrigolante. Ma siamo proprio sicuri che questa preparazione abbia avuto origine proprio nella Città eterna? Ebbene, le origini della carbonara sono davvero incerte, e l’ipotesi più accreditata potrebbe causare delusione nei più orgogliosi sostenitori della romanità di questo piatto: non solo potrebbe non essere stata ideata a Roma, ma il suo ignoto creatore potrebbe anche non essere italiano!
Molti sono convinti che la carbonara tragga origine dalla tradizione dei montanari che producevano il carbone, che erano soliti nutrirsi di alimenti cucinati con ingredienti sostanziosi come uova, guanciale e formaggio per mantenersi in forze e combattere il freddo e la fatica. Altri ritengono che sia una pietanza ideata da un oste romano che precedentemente lavorava come spazzacamino, e che l’abbia chiamata carbonara in onore del proprio passato. Da qualche anno, però, viene sostenuta con sempre più convinzione la tesi che la carbonara sia stata inventata dai soldati americani, alla fine della Seconda guerra mondiale.
Le truppe sbarcate in Italia avevano in dotazione giornaliera le cosiddette “razioni K”, composte da bacon e uova liofilizzate e uno dei pochi cibi caldi reperibili in Italia in tempi di guerra era la pasta cacio e pepe. Da quanto avevano a disposizione la fortunatissima idea: sciogliere l’uovo nella pasta e unire il bacon. Nasceva così l’antenata della carbonara, che venne successivamente rielaborata con uova fresche e guanciale, fino ad imporsi come uno dei piatti simbolo della cucina italiana, in particolare romana.
In ogni caso, di fronte a una carbonara ben fatta, il dibattito sulle reali origini conta ben poco. Più importanti, per realizzare un’ottimo piatto, sono questi tre ingredienti:

  1. Utilizzare il guanciale e non la pancetta, e fare attenzione alla cottura: deve essere croccante.
  2. Utilizzare il pecorino grattugiato e non il grana. Il pecorino romano, con la sua particolare sapidità, è più indicato (del pecorino abbiamo avuto modo di parlare: per leggere l’articolo clicca qui).
  3. Aggiungere le uova solo alla fine e lontano dai fornelli, per evitare di cuocerlo troppo. Per ottenere la giusta densità è sufficiente il calore sprigionato dalla pasta stessa.

Un’ottima alternativa alla preparazione casalinga della carbonara è gustarla da noi, nei ristoranti Urban Mood Smart e Gourmand’s. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *